Home NUOVO DPCM 24 OTTOBRE 2020
pan di morbegno

NUOVO DPCM 24 OTTOBRE 2020

Il Presidente del Consiglio dei Ministri ha firmato il 24 ottobre 2020 un nuovo Decreto che irrigidisce le misure di contenimento della pandemia da Covid-19. Le misure saranno in vigore dal 26 ottobre al 24 novembre.
Le principali disposizioni si possono così riassumere.
 
FORTI RACCOMANDAZIONI SU SPOSTAMENTI E CASE PRIVATE
- forte raccomandazione di non spostarsi, con mezzi pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi;
- forte raccomandazione di non ospitare in casa persone diverse da quelle del proprio nucleo familiare, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.
 
RISTORAZIONE E RICEZIONE
- bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie e i locali che fanno servizi di ristorazione possono restare aperti dalle 5 alle 18. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone a tavolo, a meno che siano conviventi;
- dopo le 18 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico;
- alberghi e altre strutture ricettive possono continuare i servizi di ristorazione, soltanto per i loro clienti.
 
COMMERCIO AL DETTAGLIO E SERVIZI
- i negozi al dettaglio possono restare aperti a patto di garantire la distanza interpersonale di almeno un metro e di contingentare gli ingressi; non si può restare all’interno più del tempo necessario all’acquisto;
- parrucchieri, estetisti e attività che fanno servizi alla persona possono restare aperti se lo consentono le singole Regioni e Province autonome in base all’andamento epidemiologico del territorio.
 
SCUOLE
- i servizi per le scuole dell’infanzia (prima dette scuole materne) e le lezioni della scuola primarie (le elementari) e della secondaria di primo grado (le medie) continuano a svolgersi in presenza;
- le scuole secondarie di secondo grado (cioè le superiori) devono adottare forme flessibili e una didattica digitale integrata (DDI) pari almeno al 75 per cento.
 
ATTIVITA’ SPORTIVA
- palestre, piscine, centri benessere, centri termali devono restare chiusi, tranne quelli con presidio sanitario obbligatorio o che effettuano l’erogazione di prestazioni considerate di assistenza;
- sono sospesi gli sport di contatto, la relativa attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e tutte le competizioni, comprese quelle ludico-amatoriali; sono chiusi gli impianti nei comprensori sciistici;
- è consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche nelle aree attrezzate e nei parchi pubblici, mantenendo la distanza di sicurezza.
 
CULTURA E DIVERTIMENTO
- sono sospese le attività di teatri, concerti e cinema, anche all’aperto. Musei e altri luoghi culturali restano aperti con entrata contingentata e garantendo la distanza interpersonale di almeno un metro. Sono chiusi anche casinò, sale giochi, sale scommesse, sale bingo, sale da ballo e discoteche, sia al chiuso che all’aperto;
- sono vietate le feste, anche quelle in seguito a cerimonie civili e religiose (finora c’era il limite di 30 persone), le sagre e le fiere di qualunque genere; sono sospesi convegni e congressi, tranne quelli che si svolgono con modalità a distanza. Sono concesse le manifestazioni pubbliche, purché siano statiche e rispettose del distanziamento interpersonale.
 
PARCHI E AREE GIOCO
- parchi, ville e giardini pubblici restano aperti, ma bisogna mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro; i bambini possono accedere alle aree gioco nel rispetto del distanziamento e indossando la mascherina dai 6 anni in su.

Article Map